Personaggi dei Promessi Sposi

Don Abbondio

Tipo/ruolo:principale, per codardia si trasforma in aiutante dell’antagonista (simboleggia chi, pur investito di responsabilità istituzionali, si piega al più forte)

Caratteristiche socio-economiche: curato del paese, vocazione non spirituale ma di convenienza, umile e povero.

Psicologia: pavido, egoista, pauroso e codardo, si ispira alla regola di “scansare tutti i contrasti e cedere a quelli che non può scansare”

Comportamento: Don Abbondio è succube del suo tempo, della sua epoca e delle ingiustizie presenti in essa; non riuscendo ad affrontarle tenta di scansarle. Viene paragonato ad un vaso d’argilla che viaggia insieme ad altri vasi di ferro su un carro. Egli risulta vittima della società perché non possiede un carattere forte e determinato (“non era nato con un cuor di leone”).

 

Perpetua

Tipo/ruolo: personaggio minore (simboleggia la sincerità, la genuinità)

Caratteristiche socio-economiche: domestica di don Abbondio; ” aveva passato l’età sinodale dei quaranta, rimanendo celibe, per aver rifiutati tutti i partiti che le si erano offerti, come diceva lei, o per non aver mai trovato un cane che la volesse, come dicevan le sue amiche.”

Psicologia: pragmatica

Comportamento: sa ubbidire e comandare, tollerare e imporre, non sa mantenere i segreti, poiché ha un animo abbastanza semplice, e “rozzo”.

 

Renzo Tramaglino

Tipo/ruolo: protagonista (simboleggia gli ingenui volenterosi)

Caratteristiche socio-economiche: operaio tessile e contadino, condizioni economiche medie, orfano, fidanzato di Lucia

Psicologia: animo buono, dai valori morali semplici e onesti; ma anche ingenuo e impulsivo, e per questo capace di cacciarsi nei guai, come accade a Milano.

 

Lucia Mondella

Tipo/ruolo: protagonista, vittima (simboleggia l’innocenza, i valori puri del cattolicesimo)

Caratteristiche socio-economiche: tessitrice, orfana di padre vive con la madre Agnese, fidanzata di Renzo

Psicologia: timorata di Dio, dotata di una morale solida, ma anche capace di sottili astuzie; come quando dà a fra Galdino una gran quantità di noci perché concluda prima la questua e torni presto al convento a chiamare Fra Cristoforo; o come quando, vedendo che l’Innominato comincia a commuoversi, esplode in accenti ancora più accorati, che lo inducono a capitolare.

Comportamento: umile, riservato, pudico, ingenuo. Lucia appare più equilibrata e coerente di Renzo e di Agnese, anche se talvolta cede alle loro pressioni e si lascia convincere ad agire contro i propri principi, come quando accetta di partecipare al matrimonio a sorpresa.

 

Agnese

Tipo/ruolo: aiutante dei protagonisti (simboleggia i valori pragmatici e materni)

Caratteristiche socio-economiche: tessitrice, madre di Lucia

Psicologia: pragmatica, sicura di sé, dotata di furbizia “di paese”

Comportamento: materno, protettivo, impulsivo

 

Azzecca-garbugli

Tipo/ruolo: aiutante dell’antagonista (simboleggia la manipolazione della legge a difesa dei privilegi)

Caratteristiche socio-economiche: avvocato trasandato

Psicologia: meschino

Comportamento: al servizio dei potenti, comicità di gesti e smorfie

 

Padre Cristoforo (Lodovico)

Tipo/ruolo: aiutante dei protagonisti, personaggio storico (simboleggia un cristianesimo coraggioso, capace di prendere posizione in difesa dei più deboli)

Caratteristiche socio-economiche: padre cappuccino, di benestante famiglia di mercanti

Psicologia: irrequietezza interiore, disciplina d’umiltà, somma spiritualità religiosa

Comportamento: costante astinenza, autocontrollo, senso della giustizia, determinazione e coraggio

 

Don Rodrigo

Tipo/ruolo: antagonista, incapricciato di Lucia (simboleggia i prepotenti)

Caratteristiche socio-economiche: nobiluomo

Psicologia: orgoglioso, maligno

Comportamento: prepotente, capriccioso, offensivo, sarcastico, violento

 

Griso

Tipo/ruolo: aiutante dell’antagonista (simboleggia la violenza gratuita)

Caratteristiche socio-economiche: capo dei bravi
Psicologia: opportunista

Comportamento: prepotente, violento

 

Monaca di Monza (Gertrude)(“la Signora”)

Tipo/ruolo: aiutante della protagonista, poi dell’antagonista, personaggio storico (suor Maria Virginia de Leyva) (attraverso il racconto delle sue vicende, Manzoni denuncia la monacazione forzata)

Caratteristiche socio-economiche: figlia di un potente signore di Milano, secondo Manzoni è sempre stata indirizzata alla vita in convento, anche se ciò andava contro la sua natura

Psicologia: frustrata, rancorosa, debole, indecisa, ambigua

Comportamento: autoritario, capriccioso, enigmatico

 

Conte zio

Tipo/ruolo: aiutante dell’antagonista (simboleggia la classe dei potenti e corrotti)

Caratteristiche socio-economiche: potente rappresentante della famiglia, membro del Consiglio Segreto, zio del conte Attilio (cugino aiutante dell’antagonista don Rodrigo, cinico e amorale)

Psicologia: risoluto

Comportamento: serio, paternalistico, consapevole del suo potere

 

Innominato

Tipo/ruolo: aiutante dell’antagonista, poi dei protagonisti, personaggio storico (simboleggia il pentimento, la conversione, la redenzione, valori base del cristianesimo)

Caratteristiche socio-economiche: nobile, potente fuorilegge

Psicologia: crudele, risoluto, inquieto, introspettivo, sensibile

Comportamento: dapprima violento, “aspro, dominante e ostile” (v. valle); poi, a seguito del pentimento, umile e desideroso di espiazione

 

Oste

Tipo/ruolo: aiutante dell’antagonista (simboleggia mentalità cittadina)

Caratteristiche socio-economiche: oste

Psicologia: opportunista, prudente, egoista

Comportamento: teso al proprio interesse e alla propria sicurezza

 

Bortolo

Tipo/ruolo: aiutante del protagonista (simboleggia valori familiari)

Caratteristiche socio-economiche: tessitore, cugino di Renzo

Psicologia: altruista

Comportamento: disponibile, pragmatico

 

Cardinale Federigo Borromeo

Tipo/ruolo: aiutante dei protagonisti, personaggio storico (simboleggia un cristianesimo puro e ispirato)

Caratteristiche socio-economiche: da facoltosa famiglia lombarda, arcivescovo di Milano

Psicologia: autentica e profonda spiritualità cristiana

Comportamento: puro, umile, caritatevole, altruista, disponibile, pacato

 

Sarto

Tipo/ruolo: aiutante della protagonista (simboleggia l’uomo umile, il buon cristiano)

Caratteristiche socio-economiche: sarto

Psicologia: altruista

Comportamento: disponibile, goffo e imbarazzato

 

Donna Prassede

Tipo/ruolo: aiutante ambigua della protagonista (simboleggia il bigottismo)

Caratteristiche socio-economiche: nobildonna milanese, moglie di don Ferrante

Psicologia: benefattrice bigotta, dalla carità e dalla morale malintesa, pregiudizi arroganti e autoritari

Comportamento: disponibile ma intrigante, autoritario, malizioso

 

Don Ferrante

Tipo/ruolo: aiutante della protagonista (simboleggia l’ottusa cultura erudita e accademica)

Caratteristiche socio-economiche: uomo di cultura, marito di donna Prassede

Psicologia: vuota erudizione

Comportamento: non comanda né ubbidisce, studia tutto il giorno con rabbia e compiacenza della moglie, professore di cavalleria, quotato consigliere su questioni d’onore

 

Conte Attilio

Tipo/ruolo: aiutante di Don Rodrigo, di cui è il cugino

Caratteristiche socio-economiche: nobile proveniente da Milano, sembra più importante di Don Rodrigo

Psicologia: dal carattere molto semplice

Comportamento: sa trasformare il suo comportamento, scherzoso con Don Rodrigo, serioso e truffaldino con il conte Zio

 

Tonio

Tipo/ruolo: aiutante di Renzo

Caratteristiche socio-economiche:Compaesano di Renzo, lo aiuterà nel tentativo di matrimonio per sorpresa venendo a far da testimone (ovviamente sotto compenso)

Psicologia: Furbo e acuto, si dimostra molto affettuoso nei confronti del fratello Gervaso, che definisce “un sempliciotto”, mentre in realtà egli è un disabile mentale.

[bibl]I promessi sposi, http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=I_promessi_sposi&oldid=29045347 (in data 10 gennaio 2010).[/bibl]


Forse ti interessa anche:

  1. I Promessi Sposi commento
  2. Principali personaggi dell’Inferno di Dante
  3. Romanticismo e realismo
  4. Seconda prova socio psico pedagogico 2012

Lascia un commento